Progetti

I nostri progetti

Scoprite il nostro lavoro

MIRA UP


Interventi diffusi di promozione artistica e culturale e riqualificazione urbana e sociale nel quartiere di Mirafiori Sud

MIRA UP nasce dal tavolo di co-progettazione “Mirafiori Arte e Bellezza” promosso dalla Fondazione di Comunità di Mirafiori e intende contribuire a promuovere una nuova immagine del quartiere di Mirafiori Sud attraverso il coinvolgimento attivo dei suoi abitanti.
Il progetto si articolerà in percorsi partecipativi e condivisi di progettazione e realizzazione di interventi di “abbellimento” e riqualificazione di spazi pubblici e di narrazione della storia e delle trasformazioni del territorio.

Sono previste azioni per lo sviluppo di due filoni principali:
> Il primo comprende interventi in cui i cittadini, accompagnati da artisti e dal gruppo di progetto, si confrontino intorno al tema dello sviluppo e del futuro del quartiere e realizzino interventi d’arte e  azioni di riqualificazione ambientale, paesaggistica e sociale in luoghi diversi del quartiere. Si darà così vita a un progetto diffuso con un forte carattere identitario e generatore di nuova bellezza.
> Il secondo filone prevede azioni in cui un gruppo di abitanti del quartiere, con l’accompagnamento di esperti presenti nel gruppo di progetto, partecipi alla costruzione e alla conduzione di un percorso di narrazione della storia e dell’evoluzione del quartiere attraverso il recupero di memorie e testimonianze e la progettazione di passeggiate storiche e culturali.

Il progetto MIRA UP è patrocinato dalla Circoscrizione 2 del Comune di Torino.

Luogo di intervento
Quartiere Mirafiori Sud, Torino

Progetto promosso da
AICS, Ambarabaciccicoccò, Associazione Volontari Arcobaleno, CentroX100, Comitato di Borgata Mirafiori, Intreciastorie e Oltre, Kallipolis, Linea d’acqua e Parco del Nobile.

Con il contributo di
Fondazione Comunità di Mirafiori

Anno di realizzazione
marzo 2017 – febbraio 2018

Stato
In corso

Parte degli interventi coinvolgono l’area di via Negarville e i suoi portici.

Altri interventi coinvolgono l’area del Giardino Camilla Ravera per la realizzazione di un “giardino effimero” .